2021 - Adesione e Coesione?!? Gocce di rugiada aderiscono ad una ragnatela...Movimento dell'acqua in una pianta...

 L'acqua entra in una pianta attraverso i peli della radice, passa attraverso i tessuti della radice nello xilema e viaggia attraverso le navi dello xilema nelle foglie. In chimica e in fisica l'adesione è l'insieme dei fenomeni fisico-chimici che si producono nell'attrazione molecolare tra due materiali di natura differente posti a contatto[1]. Mentre il termine "adesione" fa riferimento all'azione di attrazione tra molecole di tipo differente, il termine "coesione" fa riferimento all'azione di attrazione tra molecole di tipo uguale. Entrambe le forze hanno natura elettrostatica.

 

ubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=239385
"[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp]   

#CorroborantePropolisCercoSano (l'originale) è unico, anche nella sua coesione e adesione,


con la tensione trasmette più vita a tutta la pianta.

 

L'acqua muove la pianta, entra nelle foglie, si muove in spazi aerei nella foglia, e quindi evapora (traspira) attraverso gli stomi (singolare, stoma)..   fonte testo tradotto

 

LabBench Activity

 

Movement of Water Up Xylem Vessels

Quando l'acqua penetra nelle radici, i legami idrogeno collegano ogni molecola d'acqua a quella successiva in modo che le molecole d'acqua vengano tirate su sottili vasi di xilema come perle su una corda. L'acqua muove la pianta, entra nelle foglie, si muove in spazi aerei nella foglia, e quindi evapora (traspira) attraverso gli stomi (singolare, stoma).
 
Si noti nella figura sopra che ciascuna molecola d'acqua può formare quattro legami idrogeno. Nell'acqua liquida, la vita media di un legame idrogeno è molto breve. Tuttavia, l'effetto cumulativo del legame idrogeno tra le molecole rende liquido l'acqua
Ci sono centinaia di stomi nell'epidermide di una foglia. La maggior parte si trova nell'epidermide inferiore. Ciò riduce la perdita di acqua perché la superficie inferiore riceve meno radiazione solare rispetto alla superficie superiore. Ogni stoma consente l'ingresso dell'anidride carbonica necessaria per la fotosintesi, mentre l'acqua evapora attraverso ciascuno nella traspirazione.
 
Attività LabBench
Mettiti alla prova
1. Quale proprietà dell'acqua rappresenta il fatto che le molecole d'acqua "afferrano" le pareti dei sottili vasi xilematici?
2. Le molecole d'acqua si attraggono come perle su una corda; quando una molecola viene evaporata attraverso uno stoma, ne viene estratto un altro. Quale proprietà dell'acqua è dimostrata qui?
3. Mettere quanto segue in ordine (elencare le lettere), dal potenziale idrico più alto al potenziale idrico più basso, in condizioni normali.
un. Mesofille di foglie
b. Aria esterna intorno alla foglia
c. Spazi attorno alle radici
d. All'interno delle navi xilema
Ora che sei stato introdotto al concetto di traspirazione, le domande nella pagina seguente ti aiuteranno a capire in che modo le proprietà dell'acqua e del potenziale idrico sono importanti per questo processo.
 
Si noti che nella figura A le celle di guardia sono turgide o gonfie e l'apertura stomatica è grande. Questo turgore è causato dall'accumulo di K + (ioni di potassio) nelle cellule di guardia. Man mano che i livelli di K + aumentano nelle celle di guardia, il potenziale idrico delle celle di protezione cade e l'acqua entra nelle celle di guardia.
Nella figura B, le celle di guardia hanno perso acqua, il che fa sì che le cellule diventino flaccide e l'apertura stomatica si chiuda. Ciò può verificarsi quando la pianta ha perso una quantità eccessiva di acqua. Inoltre, si verifica in genere ogni giorno quando diminuiscono i livelli di luce e diminuisce l'uso di CO2 nella fotosintesi.
 
 
Attività LabBench
Traspirazione e fotosintesi
A questo punto dovresti avere l'equazione di base per la fotosintesi fissata nella tua memoria! Per sicurezza, digita qui:
Una foglia ha bisogno di anidride carbonica e acqua per la fotosintesi. Perché l'anidride carbonica entri, gli stomi sulla superficie della foglia devono essere aperti. Come hai visto, la traspirazione attira l'acqua dalle radici nel mesofillo fogliare. Tuttavia, la pianta non deve perdere così tanta acqua durante la traspirazione che appassisce. L'impianto deve trovare un equilibrio tra la conservazione dell'acqua e l'immissione di una quantità sufficiente di CO2 per la fotosintesi.
 
Attività LabBench
Fattori che influenzano il tasso di traspirazione
La traspirazione è influenzata da varie condizioni nell'ambiente della pianta. I seguenti esercizi ti aiutano a pensare ad alcuni di questi effetti prima di testarli nell'esperimento di laboratorio.
1. Quale condizione risulterebbe nel più alto tasso di traspirazione:
chiaro o scuro?
2. Quale condizione risulterebbe nel più alto tasso di traspirazione:
ambiente umido o ambiente secco?
3. Quale condizione provocherebbe il più alto tasso di traspirazione:
condizioni ventilate o aria ferma?
4. Quale condizione provocherebbe il più alto tasso di traspirazione:
ambiente caldo o ambiente caldo?
 
fonte foto

Un potometro è un dispositivo che misura la velocità con cui una pianta attinge l'acqua. Poiché la pianta assorbe l'acqua perdendola per traspirazione, sei in grado di misurare il tasso di traspirazione. Gli elementi di base di un potometro sono:
Un taglio di pianta
Una pipetta calibrata per misurare la perdita d'acqua
Una lunghezza di tubi di plastica trasparente
Una guarnizione a tenuta d'aria tra l'impianto e il tubo pieno d'acqua
Il tuo istruttore ti mostrerà come assemblare il tuo potometro.



Attività LabBench
Come calcolare l'area della superficie fogliare
Il tasso di traspirazione è misurato come la quantità di acqua persa / metri quadrati / minuto. Poiché l'acqua evapora attraverso i molti stomi sulla superficie fogliare, il tasso di traspirazione è direttamente correlato all'area superficiale. Per raggiungere il tasso di traspirazione, quindi, è necessario calcolare l'area superficiale fogliare di ogni pianta: poiché la maggior parte degli stomi si trovano nell'epidermide inferiore, determinerai quella superficie.

fonte foto
Posare le foglie da misurare su una griglia di 1 cm e tracciare i loro contorni.
Contare il numero di centimetri quadrati. Stima l'area dei quadrati parziali. (Ecco un metodo semplice per questa stima: conta un quadrato parziale se è coperto almeno per metà dalla foglia, non contare i quadrati parziali che sono meno della metà coperti.
Non includere l'area dello stelo (picciolo) nei calcoli.
Qual è la superficie di questa foglia in cm2?

Segue il Test......[Qui]
 
Usate per salvare il mondo

🌍

_🌼🎯🌼_

ape-immagine-animata-0090


Cercate il punto di distribuzione a voi più vicino 
cliccate qui


[(🌍)]

🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀


  • Stop ai Veleniarticoli[QUI]

2020 - Agricoltura?!? L'Immunità non Esiste, ma la Prevenzione Sì! Usate #CorroborantePropolisCercoSano!

 

Troppo Semplice?!?

  •  Foto di healthguru da Pixabay

Ma Vero!

  • L'importante è non trascurare!
    Una semplice raccomandazione a chi desidera avere le piante più belle e sane che si auto difendono sempre da attacchi di insetti dannosi e malattie.
    #CorroborantePropolisCercoSano
     "A Rigor di Logica" per il Mondo Vegetale!

    Diciamo Basta ai Veleni! 

    Foto di Jesus Leal da Pixabay 

    [Ecco alcuni consigli, da internet]

    Il mio è :Vivi e lascia vivere!

2021 – Le piante si difendono da sole, ma dobbiamo aiutarle! Il sistema universale migliore che posso suggerire è una sana alimentazione (concimazione), una buona potatura (quando serve), ma soprattutto irrorare il #CorroborantePropolisCercoSano l’originale che mantiene attiva la reattività evitando di aumentare il livello dell’ acido salicilico per non rallentare la sua crescita. Se la pianta è protetta gli insetti dannosi e malattie (funghi, virus) non si presentano e il raccolto sarà salvo!

  •  Fagocitosi👇

     

    Di Raffmarra - Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2694250

     

    La fagocitosi (dal greco phagein= mangiare) è la capacità posseduta da diverse cellule di ingerire materiali estranei e di distruggerli. Le cellule di animali superiori che espletano attività fagocitaria si suddividono in due categorie: i fagociti professionali (neutrofili, eosinofili e monociti/macrofagi) per i quali l'attività fagocitaria costituisce una funzione preminente; i fagociti facoltativi (mastociti, endoteliociti e altre cellule) per le quali è una funzione marginale. In chimica la fagocitosi è definita come la modalità di emissione del secreto da una cellula.👇

                                         "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp]  

    A differenza degli animali, le piante sono prive di fagociti, ma le risposte immunitarie di molti vegetali coinvolgono segnali chimici sistemici che vengono inviati attraverso una struttura.[81] Le cellule vegetali individuali rispondono alle molecole associate a patogeni noti come modelli grazie ai profili molecolari associati ai patogeni (o PAMP, da Pathogen Associated Molecular Patterns).[82] Quando una parte di una pianta si infetta, essa produce una risposta ipersensibile localizzata, per cui le cellule nel sito di infezione subiscono una rapida apoptosi al fine di prevenire la diffusione della malattia in altre parti di essa. La resistenza sistemica acquisita (SAR) è un tipo di risposta difensiva utilizzata dalle piante e che la rende resistente a un particolare agente infettivo.[81] I meccanismi di silenziamento dell'RNA sono particolarmente importanti in questa risposta sistemica in quanto possono bloccare la replicazione del virus👇

                                                           "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp]  

Le piante si difendono da sole da Funghi e Batteri patogeni

L’Acido Salicilico viene traslocata in tutta la pianta e induce la produzione delle proteine idrolitiche nelle diverse cellule.

Questo sistema di difesa viene chiamato SAR, Sistema di Resistenza Acquisito. ottimo articolo👇

               "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] 

Titolo dei principali fertilizzanti

Il titolo di un fertilizzante indica quanti e quali elementi nutritivi sono presenti in una determinata formulazione. Viene solitamente indicato tramite tre percentuali, rispettivamente di azoto (N), fosforo (P) e potassio (K), spesso precedute dalla sigla NPK, dai simboli dei tre componenti principali. Per i materiali organici, i valori sono da intendersi come media, data la naturale variabilità. Quando viene indicato un intervallo di valori, l'effettivo titolo dipende dallo specifico composto utilizzato.👇

                              "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] 

                                           "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp]  

2021 – Aziende Agricole, anche non certificate Bio, per avere raccolti sani, potete utilizzare il mio #CorroborantePropolisCercoSano (l’originale) su ogni vostra coltura. L’importante è avere un “Atomizzatore” idoneo a nebulizzare al massimo il liquido. Aumentare le energie alle vostre piante, per la loro difesa da attacchi di insetti nocivi e malattie, è facile!

 Dimostrazione pratica!

 Ecco come fa il Sig. Franco Veimaro, versa, dopo averlo agitato bene, 5 litri di #CorroborantePropolisCercoSano (l’originale) nel serbatoio del suo atomizzatore a spalla il serbatoio di circa 15 litri lo andrete a colmare con acqua del vostro rubinetto, L'atomizzatore è ideale per tutti i trattamenti necessari alla prevenzione perché permette di raggiungere ogni parte della pianta. 
 
 
 
 

 

       Via Amendola 486/A
                          13836 Cossato (BI)

                                               (+39) 345 096 4579 
                                                  info@vivaiveimaro.com
__https://www.vivaiveimaro.com/shop/piccoli-frutti/fragola-florida-beauty/[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] __

Lieto di essere loro fornitore!

Ricercate il  #CorroborantePropolisCercoSano!

 

 

Non vi deluderà!

#CorroborantePropolisCercoSano.

È innocuo!!

#CorroborantePropolisCercoSano! 

l'Originale!

Corroborante – Potenziatore delle difese naturali delle piante

CLASSIFICAZIONE: 

Corroborante – Potenziatore delle difese naturali delle piante

COMPOZIONE: 

Estratto di *Propoli (Bio) in soluzione acquosa.

Contenuto in Flavonoidi, espressi in galangine, al momento del confezionamento 30 gr. in 300 litri d'acqua

Rapporto peso/volume di propoli sul prodotto finito 0,0001%

 



 

CORROBORANTE PROPOLIS 

è un estratto naturale di propolis contenente tracce di cere, resine, acidi aromatici e sostanze volatili, tutto disciolto in acqua,

è naturale e non contiene conservanti o coloranti artificiali.

 

CORROBORANTE PROPOLIS 

ha un’azione corroborante nei confronti delle piante 

di tipo antisettico e protettivo verso attacchi fungini 

(botrite, monilia, peronospora, 

ticchiolatura, oidio e altre muffe)e batterici.

__ 
_https://www.vivaiveimaro.com/shop/piccoli-frutti/fragola-florida-beauty/[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] __ 
 

Favorisce la cicatrizzazione delle ferite dovute a traumi e/o potature, proteggendo nel contempo la pianta dalla penetrazione di patogeni. 

CORROBORANTE PROPOLIS 

stimola inoltre la radicazione, la fioritura, favorisce l’allegagione, migliora la produzione durante l’accrescimento e dona colore, sapore e conservabilità ai frutti.


 

 

CORROBORANTE PROPOLIS 

è applicabile in frutticoltura, orticoltura e giardinaggio e può essere utilizzata in qualsiasi momento del ciclo produttivo, compresa la fioritura.

__

 

 

_https://www.vivaiveimaro.com/shop/piccoli-frutti/fragola-florida-beauty/[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] __ 

 

FORMULAZIONE: liquido pronto all’uso

CONFEZIONE: bidoncino da 5000g (5litri)

___
___

USO E DOSI: Agitare bene prima dell’uso 

ed irrorare la pianta da una distanza di 40-50 cm, 

bagnando in modo uniforme tutta la superficie, 

compresa la pagina inferiore delle foglie.

Azione preventiva: trattare ogni 10-15gg, sin dai primi germogli e dall’inizio della fioritura 

fino a prima della raccolta dei frutti.

Azione preventiva e protettiva: 

trattare al manifestarsi delle infestazioni 

(casi rari) e, se occorre, ripetere l’operazione 5-15 giorni dopo il primo trattamento.

È possibile diluire in acqua sino a  1/2 Con l’uso di un atomizzatore

5Lt. Sono sufficienti per 15.000mq. 



AVVERTENZE: Effettuare gli interventi nelle ore più fresche della giornata. Evitare di miscelare con prodotti rameici, polisolfuri o emulsioni oleose.

___
___

Conservare il prodotto lontano dalla portata dei bambini e animali. 

Non ingerire. 

Si declina ogni responsabilità per uso improprio del prodotto.

Se usato correttamente il CORROBORANTE PROPOLIS 

è innocuo per l’uomo, gli animali e gli insetti utili. 

___
___

Smaltire l’imballo nel rispetto delle norme vigenti in materia.

VANTAGGI E FINALITÀ FISIONUTRIZIONALI:

         Proprietà cicatrizzanti. La propoli favorisce la rapida cicatrizzazione delle ferite da traumi e potature, 

stimolando la rigenerazione dei tessuti e proteggendo contemporaneamente la pianta dalla penetrazione di patogeni. 

Proprietà stimolanti. 

La frazione di composti flavonoidi svolge un’azione di stimolo di fondamentali funzioni metaboliche, quali la respirazione

Azione attrattiva nei confronti delle api, favorendo l’impollinazione

Applicata in pre-raccolta, migliora la resistenza dei frutti alla raccolta e la conservabilità in magazzino.

_https://www.vivaiveimaro.com/shop/piccoli-frutti/fragola-florida-beauty/[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] __ 

AUTORIZZAZIONE NON RICHIESTA AI SENSI DEL D.M. 27 NOVEMBRE 2009, N°18345.

Il Corroborante Propolis  è utilizzabile in agricoltura biologica

ai sensi dei Regolamenti

CE 834/2007 e 889/2008i corroboranti sono autorizzati dai singoli Stati Membri, ed in particolare per l’Italia, dall’allegato 1 al DM 18354 del 27 novembre 2009.

Prodotto e confezionato da Medisan di Cardona dr.ssa Gabriella  Via G. Reiss Romoli, 122/12 - 10148 Torino            Distribuito da CercoSano di Carmine Zannella D.I.           Via Giotto, 18 - 15020 Ponzano Monferrato AL

*Propolis da ApicolturaBIO di Giuseppe Mortara        Cascina Nuova, 21  15039 OZZANO (AL) 

 

                "CORROBORANTE PROPOLIS"

 

#CorroborantePropolisCercoSano!
Immagini"[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp]  Immagini_
 _
Video [https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] _Video
pianta-immagine-animata-0020 
 
Ecco alcune aziende agricole sensibili all'ambiente:
 
_________________

🌱Piemonte🌱Vivai Veimaro🌱 Video🎥   
"[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] _Una sana sinergia!  
 
è utilizzabile in agricoltura biologica
ai sensi dei Regolamenti
CE 834/2007 e 889/2008
i corroboranti sono autorizzati dai singoli Stati Membri, ed in particolare per l’Italia, dall’allegato 1 al DM 18354 del 27 novembre 2009.
  •       "CORROBORANTE PROPOLIS"
  • "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] _

Fate centro🎯 anche voi

  •   Per simbolo-info-immagine-animata-0004 
  •  WhatsApp
  • "[https://www.giardinaggio.org/giardino/alberi-latifolie/catalpa-bungei.asp] _
  • il mio contatto personale è: 3487254475
Un “Rimedio Alternativo” deve essere innocuo, ma che funzioni
E soprattutto, non c'è inganno: se un rimedio cercosano non funziona,  

non lo si compra più.
"Rimedi Alternativi"
salute-immagine-animata-0036
 
Acquista On-Line
  •   czannella32@gmail.com
_____Condividete_____
 

#BioProtezione #Ortometraggio #OrtoinCondotta #Demeter #corroborantepropoliscercosano #AcquaBase #CercoSano #Puglia  #Agrumi #Olive #Ortaggi #finocchi #Arance #clementine #CavoloVerza #fragole 

#bio #CertificatiBio #Demeter    #VivaiVeimaro #rosemeilland #piccolifrutti #piantesalutistiche   #VivaiVeimaroPiemonte  #CorroborantePropolisCercoSano 

 

#ipesticididentrodinoi #GenuinoClandestino #PiùTardiÈtroppoTardi #ilcolleinfiore #AgroEcologia #Biodiversità #tuttozucche #zuccheornamentali #tuttozucchepiemonte #resilienza